Dungeons&Dragons – Il Gioco dei Giochi 5

by • 21/10/2011 • Dal LibroGame al Gioco di Ruolo, Dungeons&Dragons, Roba miaComments (0)1089

Dungeons&Dragons: Undermontain

Un sito che parla di giochi di ruolo ed avventura non può prescindere da quello che è considerato il capostipite e il fondamento del genere. Questi articoli su Dungeons&Dragons sono stati pubblicati alcuni anni fa su Fantasy Magazine e vengono qui riproposti a puntate riveduti e aggiornati.

5. Dragoni, Ambientazioni e tutto il resto

Come simbolo del gioco i suoi creatori Gygax e Arneson, scelsero di affiancare al concetto di dungeon quello del mostro dei mostri, il Drago. Fu una scelta fortunata e allo stesso tempo dovuta, accompagnata dall’acquisizione in termini di gioco delle più bizzarre e famose creature di fantasia che popolano normalmente un mondo fantasy.

Dimenticate le illustrazioni moderne: ecco un terribile disegno della edizione originale

In OD&D appaiono quindi, accanto ai più comuni uomini (sottoforma di figuranti tipici come banditi, briganti, dervisci, berserker, bucanieri, nomadi, pirati e cavernicoli), i tipici esseri senzienti più o meno crudeli (gnomi, nani, elfi, halfling, goblin, coboldi, orchi, gnoll, hobgoblin, troll, giganti e ogre), i non morti (scheletri, spettri, ghoul, zombie, wight, wraith, vampiri e mummie), le bestie mitologiche (meduse, cockatrici, basilischi, chimere, gorgoni, manticore, idre, viverne, gargoyle, minotauri, centauri, unicorni, grifoni, pegasi, ippogrifi e roc) e altri esseri leggendari (mostri marini, nixie e pixie, driadi, elementali, geni, licantropi, ecc..).

Tali creature, a differenza delle loro versioni successive, sono solo un pretesto d’avventura e non necessitano di un grande approfondimento. Insomma non c’è bisogno di spiegare cosa sia un vampiro o come sia generato: è un vampiro e basta!

Il concetto di Ambientazione appare presto in OD&D. All’inizio il “mondo” delle avventure dei personaggi, e cioè tutto quello che si trova fuori dai dungeon, è praticamente un abbozzo poco approfondito di un Grande Regno generico, adattabile e a disposizione di tutti i Dungeon Master: “il regno del genere umano è un luogo angusto e limitato. Le forze del caos premono continuamente ai suoi confini…

Man mano che i moduli si fanno numerosi e dettagliati, emergono dei luoghi ricorrenti e infine si giunge ad Ambientazioni (campaign settings) vere e proprie, terre, regioni, continenti e universi sempre più dettagliati e approfonditi. Nel corso degli anni Gary Gygax sviluppò il mondo di Oerth, il continente di Oerik e le terre di Flanaess, tutte parte dell’ambientazione conosciuta come Greyhawk, la prima vera ambientazione di D&D.

Nel Mondo di Greyhawk Gygax inserì tutti gli elementi maturati fino ad allora: il suo Castello di Greyhawk, il Grande Regno, il Blackmoor di Arneson e le Isole Lindore di Len Lakofka. Più di trenta avventure ufficiali della TSR furono ambientate proprio a Greyhawk e a esse fanno da contraltare diverse altre espansioni, moduli e iniziative letterarie, non ultima la serie di romanzi scritti da Gygax stesso e dedicati alla figura di Gord il Miserabile (Gord the Rogue), vero eroe-simbolo di Greyhawk come Drizzt do’Urden lo sarà in seguito dei Forgotten Realms.

Si può dire dunque che OD&D sia ambientato fondamentalmente su Oerth e che Oerth sia il prototipo di un mondo fantasy assolutamente non caratterizzato, generico e talmente semplice e immediato da poter essere compreso e conosciuto immediatamente da qualsiasi giocatore.

Gord il Miserabile, da una delle più recenti illustrazioni. Il primo vero eroe di D&D

Inutile dire che Dungeons&Dragons fu un successo, più volte aggiornato, ristampato, rielaborato e imitato, come vedremo nei prossimi approfondimenti.

Già nel 1975 escono il primo ampliamento delle regole (Greyhawk, che introduce la classe del ladro) e la prima avventura ufficiale (The Temple of the Frog, contenuta nel modulo Blackmoor), che danno il via a una serie di supplementi, espansioni e moduli che possiamo considerare interrotta solo quando, nel 1979 si divide il gioco “Original” in “Basic” e “Advanced”.

Erano frattanto già stati pubblicati i primi moduli di gioco (detti dungeon master kit): Palace of the Vampire Queen, Dwarven Glory, Misty Isles, In Search of the Unknown, The Keep on the Borderlands; vengono prodotti accessori, schede e materiale di tutti i generi.

Eldritch Wizardry

Ben presto Dungeons&Dragons esce dal circuito amatoriale ed entra a pieno diritto nel mercato.

Continua…

Qui l’elenco completo degli articoli
Pin It

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *