Giochi d’antiquariato e scatole del tesoro

by • 25/02/2013 • Dal LibroGame al Gioco di Ruolo, Dungeons&Dragons, Fighting Fantasy, Heroquest, PathfinderComments (6)2452

45390000_pic

Box da collezione, edizioni speciali, reprint, collector’s edition e scatole di componenti sono sempre stati il santo graal del nerd incallito (come me). Ecco un rapido sguardo su alcuni di questi scrigni del tesoro, nuovi e vecchi, su cui è possibile mettere le mani.

Il primo grande oggetto del desiderio nerd è la scatola in legno di D&D Original appena (ri)prodotta dalla Wizards of the Coast, con i 7 volumi in inglese fondamentali per giocare il primo gioco di ruolo in assoluto: Men & Magic, Monsters & Treasure, Underworld & Wilderness Adventures, Greyhawk, Blackmoor, Eldritch WizardryGods, Demigods & Heroes. Il tutto accompagnato da 10 dadi. Con questa scatola si torna diritti all’origine di ogni gioco di ruolo, alla sorgente stessa della fonte della giovinezza. Un caposaldo.

Reperibilità: da Novembre 2013 dal sito della WotC per 149 dollari.

adnd

Grande e lussuoso reprint anche per la prima edizione di Advanced Dungeons & Dragons, sempre ovviamente per nerd d’annata e ad opera della Wizards of the Coast. Come nel caso precedente si tratta di operazione nostalgia finalizzata a conquistare il cuore di giocatori abbastanza datati, visto che parliamo di titoli di oltre 35 anni fa… La linea continua con altri volumi pubblicati in seguito, sempre riferiti ad Advanced Dungeons&Dragons 1 Edizione.

Reperibilità: dal sito della WoTC per una trentina di dollari ciascuno.

Resize-of-DF0009

Da anni ormai la Dwarven Forge realizza ambienti tridimensionali per giochi di ruolo: caverne, dungeon e plance di astronavi. La linea si chiama Master Maze: non solo stanze, passaggi, mura e pavimenti adatti alle miniature, ma anche mobili, botti, letti, camini, passaggi segreti, botole e ogni sorta di elemento combinabile per realizzare i propri dungeon. Per nerd di livello avanzato con un budget medio da investire… Il modo migliore per giocare con i vostri “pupazzetti” se non avete voglia di realizzare da voi stessi scenari e mobili in balsa o altri materiali.

Reperibilità: Nonostante la buona componente vintage di questi prodotti, molti di essi sono ancora disponibili sul sito del produttore.

5059638929_ae124cea37_z

Un altro oggetto del piacere proibito per il nerd italiano (e non) è la vecchia scatola nera di D&D, la “big black box” per gli anglofoni. Si trattava di una versione introduttiva e ricca di componenti del D&D Basic, di cui mi sembra fosse considerata la 13esima versione. Anche qui dadi, figure di cartoncino, schermo del master, schede e manuali introduttivi, con il celebre Dungeon del mago Zanzer, da affrontare in qualità di poveri prigionieri fuggitivi, nudi e privi di qualsiasi storia di eroismo alle spalle.

Reperibilità: molto rara. Se lo trovate in giro fatemi un fischio!

pic757629_md

Siccome qui si parla spesso e volentieri di Fighting Fantasy, non possiamo far mancare a questa galleria di giochi vintage il boardgame di The Warlock of Firetop Mountain, l’unico vero gioco da tavolo del franchise. Non male (ma neanche l’ira di Dio) questo giochino anni ’80 conserva tutto il suo fascino vintage-nerd.

Reperibilità: Molto raro e difficile da recuperare…

coc-fr-30th-03

Il Richiamo di Cthulhu è stato pubblicato per la prima volta nel 1981 e nel 2011 ne è uscita una versione speciale per il trentennale del gioco. La versione originale è abbastanza carina, ma la versione francese, L’Appel de Cthulhu, è eccezionale. Copio per comodità da Strategie Evolutive i contenuti del volume:

  • 400 pagine a colori, su carta patinata con segnalibro di seta.
  • versione francese della sesta edizione de Il richiamo di Cthulhu +100 pagine di inediti:
    • articoli su H.P. Lovecraft e sul circolo lovecraftiano
    • una retrospettiva su tutto il materiale pubblicato per il gioco negli ultimi 30 anni
    • un “atlante lovecraftiano” di otto pagine
    • TUTTI gli incantesimi pubblicati in questi 30 anni
    • una mini-campagna ambientata in Francia, negli anni ’20
    • illustrazioni di Caza, Fructus, Goomi, GreenCat, Sullivan, Dutrait, Simonetti ed altri (oltre a una quantità di grafica fornita da Fantasy Flight)
    • una bibloteca di autentici testi esoterici

Reperibilità: molto alta sul sito della Sans Detour Editions. Certo, è in francese…

6985031839_2972ff66cf_z

Non è antiquariato ma probabilmente la più bella campagna mai realizzata per Il richiamo di Cthulhu, sia in termini di gioco, quanto come puro aspetto estetico e contenutistico. Orrore sull’Orient Express è una serie di avventure collegate, suddivise in quattro diversi volumi, ambientate negli Anni ’20 e svolte sul leggendario Orient Express e nelle città di volta in volta toccate da questo. La ricchezza dell’opera sta anche negli handout allegati ai volumi: passaporti, guide turistiche, opuscoli e gazzette varie, per un titolo dalla realizzazione davvero opulenta.

Reperibilità: la campagna si trova ancora in Italia qua e là nei negozi specializzati, ma nel 2013 ne uscirà in USA una nuova versione ancor più lussuosa!

Hero Quest 3

Un altro must del giocatore d’annata è Heroquest, il boardgame fantasy per eccellenza degli anni ’90, ormai fuori produzione da anni ma ancora reperibile su Amazon e altri siti dove è possibile entrare in contatto con negozi di collezionisti. Tabellone adattabile, schede, miniature plastificate, carte tesoro, porte e mobilia varia per un gioiello della storia del gioco, che rimane sempre in auge e ha ancora un grande seguito.

Reperibilità: medio-bassa ma non proibitiva. Uno dei primi oggetti di concupiscenza da cui ricominciare.

ASSH03

Astonishing Swordsmen & Sorcerers of Hyperborea è una versione di D&D original “amatoriale” (o per meglio dire parallela all’originale) dove l’elemento tolkieniano del fantasy (nani, elfi, orchi) è ridotto, mentre viene invece amplificata la componente “pulp”: leggasi Howard, Vance, Ashton Smith, Lovecraft. Un bel rifacimento, soprattutto nell’ottica di giocare un fantasy sword and sorcery ben posizionato alle radici stesse del gioco di ruolo.

Reperibilità: semplicissima, basta andare sul sito del prodotto.

Pathfinder-Beginner-Box-2-1024x682

Non è d’annata ma molto recente, eppure la Scatola Blu del Set Introduttivo di Pathfinder è un altro scatolone succulento e ricco che si può trovare di questi tempi in circolazione: schede, segnalini dei personaggi, tabellone plastificato, manuali, dadi e una grafica curatissima, per avviare i giocatori più inesperti alla versione introduttiva del gdr fantasy del momento.

Reperibilità: totale, in inglese e italiano anche su Amazon.it

Manca qualcosa?

Segnalatemi altri oggetti di piacere nerd come questi e prometto di aggiungerli all’elenco!

Nota bene: questo post è attento all’ambiente e presenta contenuti riciclati da Strategie Evolutive, Shamanic Journey e Terre Tormentate.

Pin It

Related Posts

6 Responses to Giochi d’antiquariato e scatole del tesoro

  1. Carlo Barletta says:

    Si potrebbe fare una carrellata dei giochi retro-cloni o quasi-cloni del capostipite Dungeons & Dragons che hanno avuto tanto successo in questi ultimi anni (al punto di spingere la WotC a ristampare alcuni classici). Tra tutti menzionerei però Sword & Wizardry, un gdr scaricabile gratuitamente che riprende il materiale d’annata (dal 1974 al 1978 mi pare).
    Che dire poi dei manualetti di supplemento della Master per il D&D classico? Anche quelli sono una chicca per gli appassionati e sono stati presenti nei negozi specializzati dai primi anni ’90.

  2. maurolongo says:

    I retrocloni sono una bella materia da trattare… credo che, solo di ufficiali, ce ne siao almeno una dozzina, di varia qualità ovviamente, da Labyrinth Lord a Lamentations of the Flame Princess. Tra quelli presentati in questa pagina Astonishing è tecnicamente un retroclone, forse uno dei più interessanti…
    Grazie dell’idea: un promemoria per post futuri!

  3. Mimimmi says:

    Ciao sono Mimimmi (Librogameland),
    ho il gioco da tavolo “Warlock Of Firetop Mountain” comprato a Milano penso nel 1989 da “Avalon” era in inglese ma il manuale era stato tradotto (male) in italiano.
    Era divertente! Ovviamente avevo anche modificato un po’ le regole “Advanced Warlock Of Firetop Mountain”….
    Era un ottimo compromesso per appassaionare neofiti al mondo dei GdR…

  4. Sonia says:

    Ho la vecchia scatola nera di D&D + relativa espansione “La tana del drago”..non ci gioco più da tempo e stranamente le venderei anche insieme alla SILVER ANNIVERSARY ed Italiana BOX, a D&D boardgame un’avventura fantasy e a D&D miniature gioco base ^^

  5. Teofilatto dei Leonzi says:

    Ti faccio un fischio per la scatola nera di D&D se tu mi fai un fischio per Orrore sull’Orient-Express! 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *