L’Abominevole Uomo di Sicilia

by • 29/10/2011 • Codice Cariddi, Roba miaComments (0)1116

 

Tra le figure misteriose che popolano le tradizioni di villaggi e rioni delle contrade siciliane ci sono gli “Uomini Selvaggi” che ancora oggi ballano goffi e ridicoli nelle feste patronali.

Sono figure fatte di pelli disseccate e altri bizzarri mascheramenti, armature di cannucce e fil di ferro, ricoperte di mortaretti, fiaccole, fuochi d’artificio, che danzano saltarelli e altri passi rituali.

Una delle pantomime dell’Uomo Selvaggio

Molti commentatori moderni li considerano un ricordo di invasori saraceni e moreschi, ma gli antropologi sanno che non è così.

L’Uomo Selvaggio è qualcosa di diverso.

Saltarelli, fuochi d’artificio e maschere servono a creare una pantomima scenica, ma quello che si rappresenta per i borghi siciliani, privo di parole e fatto solo di gesti rituali, è il ricordo di individui rimasti lontani dalla civiltà, che tornavano di tanto in tanto a mostrarsi e venivano scambiati per creature del bosco.

L’Uomo Selvaggio è l’equivalente siciliano degli “uomini abominevoli” delle nevi asiatiche o delle foreste americane, esseri che sembrano leggenda, ma che dovevano essere concreti come gli ultimi dei pastori sperduti per le montagne, analfabeti e scorbutici.

 

Con il corpo peloso e la barba fluente, non abituati ad alcuna pulizia o igiene, con indosso solo qualche pelle di animale, questi selvaggi dovevano venire fuori dalle zone sperdute dell’entroterra, incuriositi dagli abitanti di villaggi e città.

Secondo tutte le leggende e i racconti che ne parlano, erano depositari di conoscenze sull’allevamento degli animali e sulle proprietà delle erbe e dei boschi, che condividevano con gli uomini civilizzati.

Pare che essi si avvicinassero sempre timidi e ritrosi, ma non ostili, causando però dapprima terrore, poi scherno, infine ingiurie e colpi mortali, perché gli uomini di città, al contrario loro, uccidevano tutto quello che poteva creare loro problemi o scompiglio.

L’Om Salvarech, una variante del Nord Italia dall’aspetto meno ferino e più vegetale

E oggi è questo che le pantomime degli “Uomini Selvaggi” ci raccontano: un bruto, un essere che scende dalle montagne buffo e ridicolo, un selvaggio che viene circondato, schernito, ingiuriato e infine ucciso.

Dagli uomini civili.

.

Il Codice Cariddi su Amazon.it

.

Leggi altri articoli de Il Codice Cariddi

Pin It

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *