Saluti dall’Irlanda!

by • 10/09/2011 • Codice Cariddi, Roba miaComments (0)1791

 

Il simbolo tradizionale della Sicilia è una testa di gorgone con capelli serpentiformi, due ali laterali e tre gambe piegate a formare una sorta di “svastica a tre lati”. Viene chiamato Trinacria, con le varianti Triquetra, Trichelia, Trichetria, Trinakìa, Triskelion, Triskeles e Triscele, tutti termini che indicano l’isola e la figura stessa, in un miscuglio di simbolismo, araldica e geometria.

Prima di passare a raffigurare la Sicilia, la Triskeles era un vero e proprio glifo mistico e religioso, di origine greca, minoica o fenicia, e come tale si trova ad Atene, Corinto, Magna Grecia, Asia minore, Creta e Africa. Il suo significato originario era sacrale e collegato al dio fenicio Baal, al dio del Sole o alla triforme dea lunare Ecate. Quando si diffonde in Sicilia, alle originali tre gambe si aggiunge la testa di medusa ed esso diventa un talismano contro le forze del male o un generico amuleto portafortuna.

Infine, con i Romani, esso si trasformerà ulteriormente in un semplice simbolo geografico della Sicilia, grazie alla forma triangolare dell’isola e ai suoi tre promontori (Peloro, Lilibeo e Passero).

Riferimenti ancora più antichi a questo simbolo risalgono all’età della pietra e affondano indietro nel tempo nelle immagini delle tre spirali o del triplice nodo, diffuse soprattutto nel mondo celtico e preceltico e visibili ancora oggi nei siti megalitici e nell’artigianato irlandese.

Analogie celtiche del “triskelion” sono diffusissime

La Trinacria tanto vicina a noi arriverebbe dunque direttamente dal mondo neolitico e si ritrova, in parte cambiando esteriormente, ai due estremi dell’Europa: dall’Isola di Smeraldo all’Isola del Sole. Ancora oggi non si conoscono collegamenti diretti tra l’Irlanda neolitica e la Sicilia mediterranea. È pur facile tuttavia immaginare naviganti preistorici delle civiltà megalitiche del nord Europa giungere nel mondo mediterraneo per diffondere i propri oggetti d’artigianato e lasciare i propri simboli incisi su rocce e tronchi.

Il Triskelion nell’immaginario contemporaneo: una creatura di Magic (versione 2011)

Il Triskele mediterraneo sarebbe quindi la traccia concreta di questi contatti culturali antichissimi, lasciata da antichi visitatori dimenticati dalla storia, l’eco ancestrale di simbolici e metaforici “saluti dall’Irlanda”.

…ed ecco Capitan Trinacria, supereroe siciliano IGT

.

Il Codice Cariddi su Amazon.it

.

Leggi altri articoli de Il Codice Cariddi

 

Pin It

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *