Scherzi da Prete

by • 08/05/2012 • Codice Cariddi, Roba miaComments (0)1445

Fu il più famoso imbroglione e truffatore siciliano del XVII secolo.

Sapeva ben parlare e falsificare la scrittura altrui, era di bell’aspetto e di nobile casato, aveva il portamento signorile e conduceva la vita del girovago in tutta Europa.

Di chi si tratta?

Forse di un ladro di strada, di un ciarlatano di piazza, di un avventuriero di corte?

No.

Stiamo parlando dell’Abate Michele Lombardo, a capo del Monastero di Roccamadore a Tremestieri e appartenente a una rispettabile famiglia di nobili originari della Lombardia, baroni “della Scala e dei Margi”.

Certo di nobile e ieratico non doveva però avere molto, se vendette un suo confratello come schiavo al capitano di un veliero veneziano e se riuscì a falsificare le lettere del mercante Niccolò Fabes, riuscendo a derubarlo di quattordicimila scudi d’argento. Arrestato e rinchiuso al Castel Gonzaga, riuscì perfino a falsificare la propria ordinanza di scarcerazione e a tornare in libertà.

L’attuale Castellaccio di Messina

Nella Sicilia secentesca, le trovate dell’Abate Lombardo non si esaurivano mai. Un giorno si accorse che il giovane capitano spagnolo al comando del Castellaccio si era invaghito della figlia di un nobile messinese. Fingendosi zio della ragazza, l’Abate si presentò presso il Castellaccio promettendo al capitano la mano della “nipote” e portando avanti la truffa per settimane.

Alla fine, riuscì a mettere mano a quattro bauli di corredo e a venderli, intascando il contenuto.

Le avventure si susseguono senza posa: a Siracusa ingannò il vescovo della città, a Roma truffò una ricca e nota prostituta e il suo amico cardinale, a Venezia gabbò addirittura il patriarca della città. Accumulati piccoli tesori e fortuite ricchezze, l’Abate dilapidava velocemente tutti i frutti delle sue trovate in banchetti e viaggi.

Neanche una seconda incarcerazione, stavolta a Pantelleria, sembrò però fermare l’energia di questo incredibile personaggio, che infine sarebbe morto ben contento dei suoi misfatti il 6 Settembre 1697.

Alla venerabile età di cento anni.


.

Il Codice Cariddi su Amazon.it

.

Leggi altri articoli de Il Codice Cariddi

Pin It

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *