Una notte in Quinotaria: uno Spaghetti Fantasy di Terza Scelta!

by • 29/03/2017 • Editoria e Narrativa, Racconti, Roba mia, Zappa e SpadaComments (1)1574

Una notte in Quinotaria

Una notte in Quinotaria è il racconto che sto macinando in questi giorni, sull’onda del progetto Spaghetti Fantasy di Zappa e Spada: ecco un’anticipazione!

Erano brutti, sporchi e cattivi. Erano dodici, una sporca dozzina, sotto un cielo fradicio che riversava loro addosso secchiate di pioggia, inzuppandoli fin nelle midolla.
Mozzico si pulì il culo con l’unica mano rimastagli e la strofinò poi nel fango.  “Se qualcun altro deve cagare o pisciare” latrò agli altri, mentre si tirava su le braghe marce “lo faccia ora qui in queste pozze. Dopo non ci fermeremo.”
Gli altri si guardarono d’intorno e un paio di loro si abbassarono i calzoni per fare acqua.
“Ebbene,” riprese il vecchio monco qualche istante dopo, “siamo fuori dai Fossi, abbiamo tagliato la gola a un paio di quei figli di cagna e ci siamo liberati dei ceppi. Dannazione a loro, penso che mi abbiano storpiato per sempre, ma per lo meno adesso ho i piedi liberi.” Alzò le gambe una dopo l’altra e si massaggiò le caviglie. Nel frattempo, Rogna e Occhibelli stavano mimando con le mani come avevano strangolato la guardia della carbonaia e ridacchiavano rauchi.
8a2f6dca567e77895e0dcb1759a8cb62“Al prossimo cambio della guardia si accorgeranno della fuga e ci verranno dietro. Gorgo e i suoi hanno fatto fuori i segugi del primo e secondo canile, ma sono rimasti quelli del terzo, quindi ci verranno dietro con quelli.”
“Ehi brutta testa di letame” ringhiò Gorgo, avvicinandosi minaccioso. Destro e Filare, come sempre, si mossero alle sue spalle e guardarono gli altri in tralice. “Perché non ci andavi tu ad ammazzare i cani?”
“Calmati, bestione.” Mozzico alzò la mano e gli fece cenno di stare buono. “Non ho detto che hai fatto male. Nessuno è mai fuggito dai Fossi e abbiamo già fatto tanto. Va bene così. Nel terzo canile ci sono solo un paio di femmine e i bastardi malati di rogna. Perlomeno ci siamo tolti il grosso, però non siamo ancora al sicuro.”
Destro e Filare guardarono in viso il grosso picchiatore sdentato, aspettando un suo cenno. Gorgo attese qualche altro istante, si soffiò il naso rotto con le mani e poi si voltò, tornando tra gli altri evasi.
“Adesso ascoltatemi bene, allora” riprese Mozzico. Tutti i fuggitivi gli si avvicinarono. “Ora vi spiego cosa faremo…”

Una notte in Quinotaria

Zappa e SpadaUna notte in Quinotaria è un breve racconto a cui sto lavorando. Non so se andrà a finire nell’antologia Zappa e Spada, ma di sicuro è un racconto Spaghetti Fantasy, perlomeno per come lo intendo io. Ed è un racconto, come ho già detto, di Terza Scelta.

Non pensiate naturalmente che sia diventato umile… questo mai. No, “Terza Scelta” è proprio il nome di un concept a cui stavo “lavorando” da prima che uscisse il bando per Zappa e Spada, l’antologia Spaghetti Fantasy di Acheron Books.

Terza Scelta” è una specie di Savage Setting artigianale e amatoriale, lasciato a metà come tanti altri miei progetti, nato come una sorta di regolamento + ambientazione grimdark e low fantasy per Savage Worlds.

Il concetto di base è che…

Al mondo ci sono eroi che compiono gesta epiche ed imprese leggendarie.

Ma non siete voi.

Voi non siete nemmeno quelli che li sostituiscono,

quando le cose si mettono male.

Purtroppo, amici miei, voi siete la Terza Scelta.

AaXRiwqgt7B4oZ26VySAMs8M2t3Rimanendo nel contesto del gioco di ruolo, le canaglie di Terza Scelta, come da apposite regole speciali, non partono dal Rango Principiante di Savage Worlds Deluxe, ma da quello di “Feccia”. Poi, attraverso un lungo funnel iniziale di 4 “Livelli Infami”, arrivano finalmente ad essere veri e propri protagonisti.

Terza Scelta è ambientato nel Regno di Quinotaria, da qualche parte nell’Europa occidentale, sorto e caduto in un qualche periodo oscuro della storia, tra le invasioni barbariche e l’Anno Mille.

La Quinotaria è un Regno che non ha fatto in tempo neanche a nascere che si ritrova già in piena decadenza. Non è neanche un regno, a dirla tutta, ma a malapena un postaccio ritagliato fuori dai potentati circostanti, pieno di mercenari allo sbando, tagliagole senza legge, pigri lestofanti, furfanti di bassa risma, fattucchieri svogliati e avidi manigoldi.

ageofconan_environment_northern_grasslands_desecrated_temple_areaQuelli sporchi, brutti e cattivi, tanto per essere chiari, come quella dozzina di canaglie appena fuggita dai Fossi, di cui parla il racconto.

Una notte in Quinotaria ricalca ancora una volta la mia abitudine alle citazionacce continue, già fin dal suo titolo.

Come infatti L’uomo dal pugnale d’oro richiama volutamente una classica storia di James Bond e Lo scorpione sulla lama la più celebre storia di Conan il Barbaro (e Guiscardi senza gloria… vabbè, l’avete capito…), Una notte in Quinotaria allude almeno nella mia testa a Una notte a Malneant e Un rendezvous ad Averoigne, due classici immortali del fantastico scritti dall’inarrivabile Clark Ashton Smith.

Per adesso c’è poco altro da dire.

Se vi interessano Terza Scelta, i Livelli Infami e Quinotaria ecco alcuni link utili:

TERZA SCELTA – UN MONDO SELVAGGIO E INFAME PER SAVAGE WORLDS

TERZA SCELTA – I LIVELLI INFAMI PER SAVAGE WORLDS

TERZA SCELTA: AMBIENTAZIONE – IL REGNO DI QUINOTARIA

PER UN PUGNO DI TALLERI – UN LAVORETTO DI TERZA SCELTA SU ANONIMA GDR

Se invece volete leggere il racconto, dovrete pazientare qualche altro mese.

E non dimenticate di dare un’occhiata al bando di Zappa e Spada: magari il racconto uscirà assieme al vostro sull’antologia (o magari ci sarà solo il vostro, che forse è anche meglio 😀 )…

Pin It

Related Posts

One Response to Una notte in Quinotaria: uno Spaghetti Fantasy di Terza Scelta!

  1. Jumping Jack says:

    Però! Un bell’incipit, davvero interessante. Compliments!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *