Italia Macabra – Venezia Nuova e Lega Adriatica

by • 17/04/2015 • Roba mia, Savage Worlds, Ultima ForsanComments (1)2212

Italia macabra - Venezia Nuova

Venezia Nuova e Lega Adriatica: un estratto del manuale Italia Macabra per Ultima Forsan, in questi giorni presentato a Torino Comics.

Come già detto, Italia Macabra è il primo modulo geografico per Ultima Forsan. Io e il consueto complice Giuseppe Rotondo ci abbiamo lavorato sopra notte e giorno (letteralmente!) per mesi e l’Italia del Rinascimento Macabro è ormai una realtà: il primo modulo geografico scritto per Ultima Forsan, presentato a Play 2015 e a Torino Comics 2015 assieme a Il segreto della regina.

Ecco allora, dopo l’anticipazione dedicata al Califfato di Sicilia, un altro estratto da questo manuale:

Italia Macabra – Venezia Nuova e Lega Adriatica 

Ci sono a Venezia Nuova tre luoghi magici e nascosti:
uno è presso il Colombario dei Corrotti;
un secondo vicino al Mercato delle Meraviglie;
un terzo è la corte dei Sortileghi, in mezzo al Ghetto.
Quando i Veneziani (e qualche volta anche i Sivigliani) sono stanchi delle autorità costituite,
si recano in questi tre luoghi segreti e,
aprendo le porte che stanno nel fondo di quelle corti,
se ne vanno per sempre in posti bellissimi e in altre storie.

Dai deliri onirici di Largo Sevillano

Venezia Nuova negli anni del Concilio Universale

Italia Macabra - Venezia Nuova 2Nonostante la bellezza esotica di Venezia Nuova, i fasti del passato non sono più stati eguagliati e la disfatta della Seconda Caduta porta ancora pesanti conseguenze: oggi la Serenissima Signoria non è più una potenza mondiale a se stante, ma parte della Lega Adriatica: anche se è il più importante membro di questa alleanza di potenze navali, rimane comunque un primus inter pares, in mezzo ad alleati altrettanto ambiziosi e intraprendenti.

La Lega Adriatica riunisce dunque attualmente Venezia Nuova e le Repubbliche Marinare di Ancona, Trani e Ragusa, con tutti i domini minori di pertinenza di ciascuno di questi centri. La città  di Imola ha da poco fatto richiesta di unirsi alla Lega e a quella di Trieste è stata mandata una proposta formale di adesione, ma la loro posizione non è stata ancora decisa e gli equilibri di interessi sono molto delicati.

Tutti questi centri hanno vocazioni, entità e storie diverse, ma condividono di fatto un’alleanza navale che ne fa il più importante dominio marittimo del Mediterraneo, considerando tuttavia la recente e rapida ascesa del Giudicato del Mare e di quello di Genova nel Mediterraneo Occidentale. Le città della Lega sono porti gremiti di velieri, caracche e vascelli di ogni genere e i loro navigli viaggiano quotidianamente da Sebastopoli all’Atlantico, dando vita a una rete commerciale sicura (per quanto riguarda i Morti, per lo meno) che ha contribuito fortemente alla Riconquista, alla diffusione di genti e merci e ai contatti tra i Feudi. Nonostante corsari e tempeste, infatti, viaggiare per mare è enormemente più sicuro e veloce che attraversare la Selva sulle strade, vecchie e nuove che siano.

Italia Macabra - Venezia NuovaE’ vero tuttavia che il Mediterraneo è ancora uno specchio d’acqua insidioso e infido. I pirati barbareschi e i corsari di Marsiglia sono il nemico più pericoloso, ma anche molti altri Feudi piccoli e grandi possono ospitare farabutti, predoni, filibustieri e nemici di ogni genere, per non parlare delle rivalità con gli Ospitalieri, il Regno di Sardegna, il Regno di Benevento e Ungheria e il Sultanato di Granada. A volte, anche le navi della Lega, per conservare il proprio predominio, sono coinvolte in missioni ai limiti del consentito, o ben oltre… Non mancano neanche le rivalità interne, dato che Venezia Nuova cerca con ogni mezzo di dominare la Lega e ricreare un vero e proprio impero marinaro, a scapito ovviamente degli altri membri dell’alleanza.

Tutti i porti della Lega sono ricchi di merci, cantieri e laboratori di fonditori, visto che molte navi montano a bordo bombarde e altre grandi armi da fuoco. Grazie essenzialmente ai mercanti della Lega, la polvere da sparo non scarseggia ormai più nei fondaci del Mediterraneo.

Luoghi d’interesse: Venezia Nuova

Dopo la Seconda Caduta di Venezia Vecchia e la perdita definitiva del Dogado e dei Domini di Terraferma, i superstiti di questo vecchio impero mercantile tornarono nuovamente a Candia e ai loro Domini del Mare, con la tacita ma ferrea decisione di non tentare mai più la Riconquista dell’antica capitale, del suo maledetto entroterra e della Laguna Nera.

6a00d8341c684553ef0148c731caf1970c-piVenezia Nuova è ora la capitale dorata dell’Isola di Candia e dei superstiti domini marittimi dei Veneziani.

La nuova Venezia è una delle città più ricche e cosmopolite dei Nuovi Regni di Ponente. Le famiglie aristocratiche fuggite dalla vecchia capitale hanno da tempo trasferito i propri quartieri e le proprie ricchezze in questo luogo, erigendo palazzi e torri vicino al porto e alla selva di alberi maestri che lo riempie in ogni stagione dell’anno. Allo stesso tempo, mercanti e armatori levantini, imperiali, ungheresi, greci e saraceni hanno pacificamente invaso i sestieri della città, per essere presenti in quei fondachi così strategici, dove tutto viene tollerato, perfino i Corrotti, purché porti profitto e influenza.

A Venezia Nuova si mescolano architetture orientali e occidentali, europee, asiatiche e africane. Moschee, sinagoghe e cattedrali si affacciano sulle stesse piazze, e la Piramide Copta del Necropolita di Venezia, nel pieno del Ghetto dei Corrotti, completa l’atmosfera di questo luogo.

Per le vie della città è possibile trovare nobili, uomini di fede, delegati, commercianti, avventurieri e spie provenienti da tutto il Vecchio Mondo, mentre nei suoi mercati è facile recuperare qualsiasi bene che sia possibile trafficare per mare.

L’attuale duca di Venezia Nuova è Giacomo Barazutti, detto “Mani d’oro” per le due protesi che porta ai polsi. Barazutti è un politico feroce e avido, ossessionato dal passato, ma è anche capace di farsi rispettare e di far prosperare la città che gli è stata assegnata dal principe Bertini, il Doge della Serenissima Signoria (anch’egli residente a Venezia Nuova).

Anche la prossima settimana arriveranno nuovi estratti sulle diverse regioni dell’Italia Macabra. Nel frattempo altre notizie arriveranno anche su Savage Worlds Italia, nel forum dedicato a Ultima Forsan e nel Gruppo Facebook dei giocatori di Ultima Forsan.

A Venezia Nuova sono inoltre ambientate una tappa dell’avventura Una funebre ballata del mare salato, che trovate all’interno della campagna C’era una volta a Lucca, su Ultima Forsan: Manuale Base, e l’avventura Del Piombo e dell’Oro, che fa parte della campagna Il segreto di Marco Polo realizzata in esclusiva per la Boargame League.

 

 

 

 

 

Pin It

Related Posts

One Response to Italia Macabra – Venezia Nuova e Lega Adriatica

  1. Yaztromo says:

    Il preambolo e’ un omaggio a Corto Maltese, ma c’e’ una ulteriore finezze / omaggio al mondo di Fighting Fantasy nel nome Largo Sevillano: un bandito con lo stesso nome (Largo) si trova anche nel modulo avventura The Riddling Reaver, per FF RPG.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *